La corsa scudetto del Napoli sta per far partire il suo ultimo sprint. Domenica arriverà al San Paolo il Chievo, match che gli azzurri in questo momento della stagione non possono permettersi di perdere. La Juventus ha dimostrato di avere una forza maggiore in questa seconda parte di campionato, mettendo a segno prima il sorpasso, poi la fuga. Ora i bianconeri sono a più quattro e con lo scontro diretto a Torino le statistiche sono decisamente a loro favore. Il Napoli dovrà, in quella occasione, conquistare il risultato più alto dei tre a disposizione se vorrà continuare  a mettere pressione ad Allegri ed i suoi uomini. Di certo non è ancora finita: la matematica ed i 24 punti ancora a disposizione danno al Napoli la speranza di poterci provare fino alla fine. Se dopo il Sassuolo, l‘obiettivo 100 punti è sfumato, ora non resta che centrare una lunga serie di vittorie da domenica alla fine del campionato, per poter dire che il Napoli la sua parte in campo l’ha fatta. Per questo sarà fondamentale battere il Chievo e poi l’Udinese al San Paolo, nel mezzo ci sarà la difficile trasferta a San Siro, contro il Milan di Gattuso, sconfitto dalla Juventus prima della sosta pasquale. Ci sarà poi lo scontro diretto e ancora in trasferta la Fiorentina. Anche contro la Viola si prevede un match difficile, con la squadra di Firenze che ha trovato una nuova solidità dopo la tragica perdita del capitano Astori. A seguire ci saranno Torino e Crotone in casa e nel mezzo la trasferta al Marassi contro la Sampdoria. Un trittico finale che potrebbe rivelarsi agevole se tutto quello che attende prima il Napoli dovesse andare secondo i piani.

Il Napoli potrebbe conquistare il bottino pieno, se scenderà in campo con la giusta mentalità e le giuste energie. Ma la Juventus resta comunque forte del suo attuale +4. Le uniche speranze azzurre dovranno aggrapparsi a qualche passo falso degli uomini di Allegri che hanno un percorso decisamente più impervio da affrontare. Di certo i bianconeri non si concederanno punti al Napoli contro il Benevento, nonostante questa sera, martedì 3 aprile, i bianconeri saranno nuovamente in campo per giocarsi l’andata di Champions League. Mentre qualche insidia in più potrebbe nasconderla la partita allo Stadium con la Sampdoria, che arriverà qualche giorno dopo il ritorno di Champsions League con il Real Madrid. Per il turno infrasettimanale del 18 aprile la Juve sarà ospite a Crotone, dopodiché comincerà il rush finale decisivo. Se la squadra di Torino dovesse continuare la corsa in Champions il suo calendario sarà fittissimo: scontro diretto con il Napoli, previsto il 22 aprile, trasferta a Milano contro la compagine nerazzurra, 28 aprile, altro scontro che si prevede arduo, con l’Inter a caccia di punti per un posto in Champsions. Ci sarà poi il Bologna poco prima della finale di Coppa Italia contro il Milan, il 9 maggio. Appena quattro giorni dopo lo scontro con la Roma all’Olimpico, con la squadra capitolina che presumibilmente continuerà a lottare per un posto in Champions come l’Inter. Questo potrebbe essere il periodo in cui il Napoli può sperare in qualche punto lasciato indietro dalla Juventus, nel momento in cui i bianconeri saranno più oberati da impegni insidiosi, finali e partite, come quelle di Champions, che potrebbero assorbire tante energie mentali e fisiche ai bianconeri. Fatto sta che il Napoli però, in questo percorso parallelo non dovrà concedersi distrazioni e dovrà ad ogni costo lottare per conquistare lo scontro diretto.